Albergo a Treviso, costruzione 17° secolo, villa di lusso

Mostra a Castelfranco Veneto
01.01.2014

Mostra a Castelfranco Veneto.
Mostra Paolo Veronese

Dopo Giorgione Castelfranco celebra Paolo Veronese
Nel 2014 grande mostra dedicata a Paolo Veronese a Castelfranco Veneto

L'Hotel Villa Abbazia ospitalita' a cinque stelle a 30minuti di auto, una   atmosfera unica tra le colline del prosecco.

Tariffe speciali riservate ai visitatori della mostra

Chiamate  il numero 0438 971277 oppure inviate una e-mail a info@hotelabbazia.it

Dopo Giorgione tocca ora a Veronese. Castelfranco Veneto protagonista nel 2014 di un'esposizione dedicata al maestro rinascimentale, con una quarantina di tele in arrivo da tutto il mondo e gli affreschi conservati nella sagrestia del Duomo. Si punta a bissare il successo della mostra dedicata a Giorgione nel 2010, che portò a Castelfranco centinaia di migliaia di turisti. Paolo Caliari, detto Veronese per la sua città natale, viene alla luce nel 1528 e muore a Venezia nel 1588. E'uno dei maggiori pittori del rinascimento italiano. Operò in varie città del nord Italia, dalla natia Verona a Mantova approdando infine a Venezia. E lavorò anche a Castelfranco per conto della famiglia Soranza. A chiamarlo fu l'architetto Michele Sanmicheli, progettista e costruttore di Villa Soranza a Treville (successivamente distrutta). Veronese ne affrescò gli interni. Affreschi che poi vennero strappati, quando la villa fu distrutta, ed ora sono conservati nella sagrestia del duomo castellano. Questi faranno parte dellagrande mosrtra, che coinvolgerà il duomo e il Museo Casa Giorgione. Tutto parte da Verona, dove si terrà il più importante evento, dopo decenni, dedicato al Veronese. «L'artefice dell'operazione è Paola Marini, direttrice del Museo di Castelvecchio, a Verona», spiega Luca Baldin, del Museo Casa Giorgione, «si sono create delle opportunità per cui ci è stato proposto di creare un evento collaterale, che racconti il molto di Paolo Veronese che si può scoprire nei nostri territori, ovvero "Le Terre di Giorgione"».La mostra esordirà a primavera 2014 alla National Gallery di Londra. Poi da luglio passerà a Verona, per tre mesi. Contemporaneamente si terrà la mostra di Castelfranco Veneto e non solo al Museo Giorgione. «Abbiamo gliaffreschi di Paolo Veronese, da quasi due secoli custoditi nella sacrestia del Duomo, salvati a suo tempo dalla demolizione di Villa Soranza. Saranno restaurati ed esposti all'interno del museo. Tuttavia, l'artista affrescò anche la palladiana Villa di Maser (nella foto), mentre un suo allievo, lo Zelotti, operò a Villa Emodi Fanzolo. Della scuola del Veronese sono gli affreschi di Villa Chiminelli a Sant'Andrea oltre il Muson». Il progetto scientifico coinvolge le stesse figure che hanno permesso il grande successo dell'evento dedicato a Giorgione tre anni fa. Le opere, una quarantina, arriveranno da molti musei, nazionali ed esteri. «La mostra potrà avere respiro nazionale o internazionale, dipenderà dalle risorse economiche che si potranno coagulare nel frattempo attorno a questo progetto», spiega l'assessore alla cultura Giancarlo Saran, «a brevissimo andremo presso le sedi istituzionali, Regione in primis, e private, per presentare il progetto. Poi seguirà l'attivazione di tutta quella filiera virtuosa, ovvero del tessuto economico, così come di quello dell'associazionismo, che si è mobilitata per Giorgione. Senza particolare promozione è già giunta l'offerta da parte di un ente privato di farsi carico del restauro di uno degli affreschi posti entro la Sacrestia. Ci sarà anche una piacevole sorpresa per i visitatori, castellani in primis: la ricostruzione - un modello di notevoli dimensioni- di Villa Soranza, custodita a Vicenza, nel Museo Palladiano. Il punto forte di questa rassegna, tuttavia, è che, pur se è vero che buona parte delle opere saranno prestate, molte altre, tuttavia, provengomo dalle nostre splendide Terre del Giorgione. Quindi si potranno visitare sempre, vuoi al Duomo, come nelle ville dei dintorni».

 

Torna all'elenco